Test 4 – a.a.2006/07

17 settembre 2007 Share
   

POLITECNICO DI MILANO, BOVISA.
Food-design
Milano 19 settembre 2007

(foglio nr. uno)
Numerare e riportare il cognome sui fogli di seguito.

Test (1)


 


Cognome Nome Corso di Laurea Matricola

Indicare la somma degli eventuali punti guadagnati con le esercitazioni: ____________

(N.B. – A questo test è possibile rispondere, oltre che in lingua italiana, in inglese, francese, spagnolo e portoghese.)

****************

Domanda numero uno. 
Quali conseguenze sul piano del food-design comporta questa asserzione: Gli atti alimentari sono un immenso catalogo di simboli e di cerimonie più o meno storicizzati e culturalmente rilevanti. 

Domanda numero due.
Che cosa comporta il fatto che il trattamento cognitivo delle informazioni sensoriali necessita di un vocabolario di convenzioni sociali e culturali condivise? 

Domanda numero tre.
Commentate questa affermazione di Émile Zola tratta da Contes à Ninon:  “…non conosco un bisogno più filosofico di quello di cogliere e mangiare delle more passeggiando”. 

Domanda numero quattro.
In Cina, nella regione di Canton, in inverno, uno dei piatti più apprezzati è il serpente accompagnato da crisantemi bianchi.  Provate ad immaginare questo piatto e a disegnarlo. 

*****

France - Champagne

POLITECNICO DI MILANO, BOVISA.
Food-design
Milano 19 settembre 2007

(foglio nr. uno)
Numerare e riportare il cognome sui fogli di seguito.

Test (2)


 


Cognome Nome Corso di Laurea Matricola

Indicare la somma degli eventuali punti guadagnati con le esercitazioni: ____________

(N.B. – A questo test è possibile rispondere, oltre che in lingua italiana, in inglese, francese, spagnolo e portoghese.)

****************

Domanda numero uno. 
Quali sono le differenze tra una cucina allografica e una cucina autografa secondo lo schema di Nelson Goodman (1906-1988).

Domanda numero due.
Che cos’è la “soglia di sensazione”?

Domanda numero tre.
Quale ordine occupano nella vostra vita di studenti questi quattro parametri legati al cibo (costo, salute, sapore, status) e che cosa potrebbe modificarne l’ordine d’importanza?

Domanda numero quattro.
Se, come scrive Claude Lévi-Strauss, uno degli elementi costitutivi del passaggio alla cultura è la gestione del fuoco, è nata prima la “volta” o la “cupola” e perché?

*****

Acqua di Vichy - Ad from the New Yorker, Febbraio 1929

POLITECNICO DI MILANO, BOVISA.
Food-design
Milano 19 settembre 2007

(foglio nr. uno)
Numerare e riportare il cognome sui fogli di seguito.

Test (3)


 


Cognome Nome Corso di Laurea Matricola

Indicare la somma degli eventuali punti guadagnati con le esercitazioni: ____________

(N.B. – A questo test è possibile rispondere, oltre che in lingua italiana, in inglese, francese, spagnolo e portoghese.)

****************

Domanda numero uno. 
Nel “Manifesto della Cucina Futurista”  la pastasciutta è definita un’ “assurda religione gastronomica italiana”.  Perché, secondo voi, i futuristi usano l’espressione di “religione”?   

Domanda numero due.
Quanto è importante il concetto di gusto nel riconoscere l’identità del mangiato? 

Domanda numero tre.
Qual’è lo “strumento” (o la tecnica) più efficace per cuocere nel deserto o nella tundra e perché? 

Domanda numero quattro.
Qual’è il senso del racconto di Karen Blixen “Il pranzo di Babette” (da, Capricci del destino)?

*****

Bonbonnière

Non è più possibile lasciare commenti.