Food Design – Dodicesima esercitazione 2008-2009

14 giugno 2009 Share
   

Politecnico di Milano, Anno accademico 2008-2009.   
Cattedra di FOOD-DESIGN.
(Dodicesima esercitazione, martedì 16 giugno 2009)
***

City of wine di Frank O. Gehry

City of wine di Frank O. Gehry

 

DALLA CITY OF WINE DI FRANK O. GEHRY ALLA CASA DI MICKEY MOUSE.

Dove abita Topolino?  Nicolas Le Camus de Mézières, “architecte expert bourgeois” (1721-1789) avrebbe detto là dove le nostre sensazioni incontrano la forma dell’analogia divenendo progetto.  (Vedi in questo sito, “Procedimento per analogia”, gennaio 2007).
Mézières pensava l’architettura come ciò che si fa corpo attraverso la filosofia e lo spirito del tempo, non per caso egli è stato, a questo proposito, un attento lettore di Étienne Bonnot de Condillac e del suo trattato sulle sensazioni, con il quale immagina di poter dare consistenza al giudizio estetico ed una ragione del “carattere” che ogni costruzione deve esprimere se impiega i mezzi che le sono congeniali.
Nel piccolo paese di Elciego, presso la cantina Marqués de Riscal, tra i vigneti della Rioja, nel Paese Basco, Frank O. Gehry ha costruito la “città del vino” sulle fondamenta di un’antica e maestosa cantina inaugurata nel 1858.  Un altro suo edificio in titanio dopo il museo Guggenheim di Bilbao che brilla “come una chioma ondeggiante” tra i filari delle viti nel suo colore rosa, oro e argento.  Per Gehry rappresenta il vento che galoppa nei campi, espressione di “un paesaggio in continuo movimento”.  Altri lo hanno giudicato un monumento al nulla nella forma di un albergo per signori.  In ogni modo è un edificio che si estende su una superficie di circa ottomila metri quadrati ed ospita un hotel, un ristorante, un centro di “vinoterapia”, una biblioteca e un centro congressi. 


Formaggi

Formaggi

 

Per analogia, se i sogni degli uomini stanno tra le braccia di Bacco, dio della vendemmia, del vino e dei vizi, Mickey Mouse sta nella tana dei formaggi, a pasta dura, semidura o morbida, freschi o stagionati, bianchi, grigi, gialli paglierino o arancionati, resi verdastri dalle muffe o mescolati alle erbe, affogati nella grappa o invecchiati tra semi odorosi.
Ma com’è questa tana?
Un antro, una casetta, uno spazio organico, un luogo post-moderno, un rifugio romantico, un castello, un’architettura disneyiana, una cantina per fuggire ai gatti, una villa in una latteria, una cava, un contenitore di sogni bianco-latticino?
Il formaggio si presta ad essere lavorato di taglio, scavato, piegato, incollato, sagomato, lavorato a blocchetti, a lamine, ad incastro. 


Torre di formaggio

Commie Cheese

La maquette di questo progetto deve essere dimensionata sulle misure di un topo e può anche essere a più piani.  Unico vincolo, deve essere di formaggio o di tofu, può essere armata con stecchi di legno, ma non può essere colorata se non con il formaggio stesso.
****
Questa esercitazione vale tre punti.  Se realizzata da una squadra di due studenti, due punti a testa. 

Topolino di formaggio

Ma Mickey Mouse chi è?

*****************


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse


Dalla City of wine di Frank O. Gehry alla Casa di Mickey Mouse

Non è più possibile lasciare commenti.